La Marocca di Casola in spiaggia? E perché no (eccola al Bagno La Cicala di Marina di Massa)..

La Marocca di Casola al Bagno La Cicala, di Marina di Massa

Ma quale prodotto di stagione!???

  • Ancora oggi i nonni lunigianesi possono testimoniare che la farina di
    castagne si consumava tutto l’anno!

Ben pressata negli “scrigni” (meravigliosi bauli di legno che si riempivano con grano e farina di castagne), si conservava ottimamente e si presentava sulla tavola quotidiana nelle forme più svariate: per lo più polenta, ma anche frittelle, pattone e cian, tipici piatti/pietanze/ricette lunigianesi.

Senza dubbio meritevoli di un approfondimento sul blog della Marocca di Casola, (magari pubblico anche qualche ricetta) la quale, ovviamente, non mancava mai sulle tavole.

  • Se questa è storia non possiamo certo contraddirla…
  • Anzi: questa è storia! E non possiamo certo contraddirla.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAE dunque, perché stupirsi del successo che la Marocca di Casola riscuote ogni estate, tra le numerose e sempre più consolidate feste lunigianesi e i bei locali della vicina e sempre affascinante Versilia?

Ma la Marocca di Casola è addirittura finita in spiaggia…

Eccola al Bagno La Cicala di Marina di Massa…

  • Tra i complimenti più belli che ho ricevuto in tutti questi anni, ce n’è uno
    che mi tengo stretto e al quale mi aggrappo nei momenti in cui vacillo un
    po’ al pensiero di quanto sia ambizioso il progetto di recupero dei
    castagneti della mia terra.

In un momento in cui tutto sembra remare contro a questa idea tengo a mente
che sono un rivoluzionario.

L’ingresso del Bagno La Cicala, di Marina di Massa

Sì, lo sono. Fabio Bertolucci è un rivoluzionario (e mi piace pure)!

E siccome essere rivoluzionari include una buona dose di creatività, ecco
che possono nascere iniziative come questa: non solo la Marocca è ottima
anche d’Estate, ma si può trovare pure in spiaggia!!!

  • Da un’idea concepita insieme con il Consorzio Riviera Toscana a seguito
    delle forti scosse di terremoto che nel 2013 hanno colpito la Lunigiana (e
    principalmente proprio Casola), è nata una collaborazione tra costa ed
    entroterra della provincia di Massa-Carrara, che io intitolai e nominai “la
    costa sostiene il suo entroterra”.

 

L’obiettivo (nobile) era proprio quello di sostenere le produzioni dell’entroterra gravemente colpito dal sisma.

Il Bagno La Cicala, di Marina di Massa

Ecco perché tra le pietanze che propongono i bar e ristoranti degli stabilimenti balneari della costa apuana, per colazione o anche all’ora dell’aperitivo si può trovare pure la Marocca di Casola.

E non di rado accade che i bagnanti, a fine vacanza, se la portino pure via!

Chissà che il pane di castagne non allevi la nostalgia del mare…

Fabio Bertolucci

  • Ps: approfitto per ringraziare pubblicamente il Bagno La Cicala, di Marina di Massa, uno dei maggiori sostenitori del progetto.

 

Be Sociable, Share!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *