Archivi tag: FAI

E pane sia (l’esperienza di Fabio Bertolucci e della Marocca di Casola ad Assisi)…

E Pane Sia – Bosco di San Francesco – Assisi (giugno 2014) …

Era una bella mattina di primavera e mi trovavo al forno intento ad osservare l’impasto della Marocca che stava riposando sulla tavola e viaggiavo libero tra i miei pensieri, immaginando quante storie e quanta vita vissuta la Marocca di Casola potrebbe raccontare ed è proprio in questo momento che squilla il telefono e riemergo dalle mie profondità per rispondere.

Non è uno dei numeri della rubrica. In questi casi ho sempre qualche remora… e ora chi è???

  • Inventarsi un mestiere così come ho fatto io, lontano dalle logiche odierne fa si che quando squilla il telefono ci si possa aspettare di tutto: scuole (da elementari alle Università), buongustai da ogni parte d’Italia che non trovano Regnano sul navigatore satellitare, giornalisti e tv.
E Pane Sia – Bosco di San Francesco – Assisi (giugno 2014) …

Può pure essere qualcuno che lamenta che non sa dove trovare la Marocca di Casola nella sua città (nessun problema! Ci sono le spedizioni) ma in generale sono sempre soddisfazioni.

  • Questa volta però, più che di soddisfazione si è trattato di un vero onore: a contattare Fabio Bertolucci e il piccolo Forno in Canoàra è nientemeno che il FAI: Fondo Ambiente Italiano!

Dall’altra parte del telefono la voce gentile di Alessandra, che mi invita ad un meraviglioso evento che si sarebbe tenuto a Giugno 2014 nello splendido scenario incantato del Bosco di San Francesco, ad Assisi.

Fabio Bertolucci mentre presenta la Marocca di Casola e racconta la sua storia a “E Pane Sia” – Assisi (giugno 2014)

L’evento si chiama E PANE SIA e vuole essere una mostra mercato sul mondo dei pani dell’Italia centrale: Pani e Dolci della Tradizione umbra, laziale, toscana e abruzzese.

  • Un percorso che racconti il pane attraverso i secoli, dal punto di vista culturale, simbolico, artistico e gastronomico, con un focus particolare sulla “dieta del viandante o pellegrino francescano”.

Alessandra mi spiega che in questo viaggio alla riscoperta delle radici e delle identità regionali, il FAI avrebbe piacere che fosse proprio la Marocca di Casola (considerata il pane dei pellegrini della Via Francigena), a rappresentare la Toscana.

Ci sono impegni ed occasioni dove so che è mio dovere culturale, nei confronti della mia terra e del suo popolo, accompagnare la Marocca di Casola a farsi conoscere ed emozionare e quindi non ci penso un attimo e dico subito sì. Ma Alessandra mi dice che non è finita qui e che sarebbe molto bello raccontare pure la mia storia, di un giovane che recupera un’antica tradizione e riesce a divulgarne l’esistenza, aprendo una nuova attività in un piccolo paese.

Nessun problema… Fabio e la Marocca sono già entusiasti.

Qualche scambio di mail nei mesi a seguire ed arriva il giorno dell’evento.

Partenza a mezzanotte, visto che non riuscivo a prendere sonno, con sosta prevista in autostrada considerati i tanti km che separano Regnano da Assisi.

Il viaggio trascorre tranquillo e arriviamo a destinazione alle prime luci dell’alba. Assisi è un posto meraviglioso e veramente evocativo. Per strada non c’è nessuno ed io mi concedo un piccolo pellegrinaggio fino alla meta designata: Il bosco di San Francesco.

  • Per certi aspetti il paesaggio è molto simile a quello del mio piccolo paese: il Bosco di San Francesco di Assisi è uno splendido esempio di paesaggio rurale italiano con le sue strutture e costruzioni in sasso, i terreni boschivi ed i campi coltivati, e ancora, radure e oliveti.

Si respira un’aria pulita, di un luogo assolutamente adatto per un cammino interiore, nella natura, nella storia e nel sacro.

Fabio Bertolucci con Alessandra – E Pane Sia – Bosco di San Francesco – Assisi (giugno 2014)

E qui, in questa armonia, mi abbandono e mi rilasso come fossi nel bel prato di Canoàra.

Giunge il mattino e di fronte al Monastero Santa Croce inizia il lavoro di allestimento. Finalmente conosco Alessandra, che mi dà tutte le indicazioni per questi due giorni, e mi mostra il programma che include anche il mio intervento.

  • Due giorni intensi e piacevolissimi. La Marocca ha come sempre fatto la sua parte, raccontando una grande Storia e regalando emozione. Si è trovata molto a suo agio immersa in tanta sacralità.

Ed io, che grazie a lei ho fatto questa bella esperienza, suggerisco a tutti i nostri amici che hanno in mente di visitare Assisi, di includere nel proprio programma anche una passeggiata nel Bosco di San Francesco, un luogo dove rinfrancare la Spirito.

Fabio Bertolucci